COS’È IL TIME-IN-RANGE (o tempo di permanenza nel range)

L’HbA1c rappresenta solo una stima approssimativa della variabilità glicemica.1 Inoltre, non riflette in tempo reale le alterazioni della glicemia.2 Pertanto, si rendono necessari nuovi parametri per la valutazione del controllo glicemico.2 

Il monitoraggio continuo del glucosio (CGM) è un’alternativa che fornisce informazioni più dettagliate sulla glicemia.1 Tali informazioni sono utili ai pazienti diabetici per poter gestire al meglio la patologia.3

Il Time-In-Range (TIR) è una metrica di controllo glicemico che valuta il tempo trascorso dal paziente all’interno di un determinato intervallo glicemico (70-180 mg/dL). Si tratta di un parametro essenziale del CGM.2 

Per la maggior parte dei pazienti con diabete mellito di tipo 1, il TIR target è >70% del tempo nell’arco della giornata; tuttavia, questo target può essere personalizzato in base alle caratteristiche del paziente.2

Il profilo glicemico ambulatoriale (AGP) è un metodo standard per la rappresentazione dei dati CGM relativi al TIR.
Permette di visualizzare la variabilità glicemica nel tempo e di identificare i pattern glicemici.4

RISORSE CORRELATE

Videointervista: Time-In-Range

 NEWS 

Il Prof. Battelino offre un interessante approfondimento su uno dei parametri chiave nel controllo glicemico

HbA1c: emoglobina glicata.

Bibliografia.
1. Ajjan RA. Diabetes Technol Ther 2017; 19: S27-S36. 2. Battelino T, et al. Diabetes Care 2019; 42: 1593-1603. 3. Beck RW, et al. Diabetes Care 2017; 40: 994-999. 4. Bergenstal RM, et al. J Diabetes Sci Technol 2013; 7: 562-578.

 

MAT-IT-2200226

Esplora anche:

Diabete e alimentazione

 KIT PAZIENTE 

Alcuni consigli per la cura dell'alimentazione nel soggetto diabetico.
 

One Drop: monitorare la glicemia e gestire il diabete

 PANORAMA APP 

Gestire il diabete sfruttando il potenziale dell’integrazione tecnologica
 

Indice HOMA-IR

 CALCOLATORI 

Per stimare l’insulina resistenza a partire dai valori di glicemia e insulinemia a digiuno
 

Quick links