È stata osservata una differenza significativa in termini di riduzione del peso corporeo e costo totale del trattamento.

 

Messaggi

  • Nell'assistenza specialistica di routine  per il diabete di tipo 2 (T2D) non controllato, l'uso di combinazioni a rapporto fisso o variabile di insulina basale e agonisti del recettore glucagon-like peptide-1 (GLP-1RA) ha mostrato un miglioramento simile del controllo glicemico.
  • Il costo del trattamento è stato inferiore con la combinazione a rapporto fisso.
  • Tuttavia, la combinazione a rapporto fisso è stata associata a una riduzione significativa del peso corporeo.

Rilevanza  di questi dati

  • L'aggiunta tempestiva di GLP-1RA all'insulina basale nel T2D non controllato può migliorare i risultati clinici e gli esiti  economici.
  • Le combinazioni a rapporto fisso di  somministrano GLP-1RA e insulina basale in un'unica iniezione giornalierae consentono una titolazione uniforme dei GLP-1RA; tuttavia, è possibile che i GLP-1RA siano sotto-dosati nelle combinazioni a rapporto fisso.
  • Le combinazioni flessibili  di insulina basale e GLP-1RA comportano  un maggior numero di iniezioni e  una maggiore complessità posologica, ma consentono  l'associazione di  qualsiasi insulina basale e GLP-1RA, ciascuno nella dose desiderata.

Disegno dello studio

  • Questo studio retrospettivo, multicentrico, in condizioni di "real world", ha coinvolto 609 pazienti con T2D non controllato che hanno iniziato una terapia di  combinazione a rapporto fisso (n=131) o flessibile  (n=478) di insulina basale+GLP-1RA in aggiunta al precedente regime terapeutico comprendente insulina basale e farmaci orali.
  • La durata mediana del follow-up è stata di 5,7 mesi in entrambi i gruppi.
  • Endpoint primario: variazioni dell'emoglobina glicata (HbA1c).
  • Endpoint secondari: variazioni del peso corporeo, glucosio plasmatico a digiuno (GPD) e pressione arteriosa sistolica (PAS).
  • Finanziamento: le spese di pubblicazione sono state sostenute da Airon Communications.
zolletta
 

 

Risultati principali

  • Entrambi i gruppi (combinazioni a rapporto fisso e combinazioni flessibili ) hanno mostrato rispetto al basale una riduzione significativa dell'HbA1c a 5,7 mesi (0,8% e 0,6%, rispettivamente; P<0,05)
  • Tuttavia, la differenza di trattamento stimata (ETD) tra le combinazioni flessibili  e le combinazioni a rapporto fisso non è stata significativa in relazione ai seguenti fattori (analisi "intent-to-treat" [ITT] e analisi "per-protocol" [PP], rispettivamente):
    • Riduzione dell'HbA1c (ETD: −0,26 [P=0,189] e −0,02 [P=0,934]);
    • Riduzione del GPD (ETD: −9,0 [P=0,370] e −4,3 [P=0,666]); e
    • PAS (ETD: 2,2 [P=0,482] e 5,3 [P=0,120]).
  • È stata osservata una riduzione del peso corporeo significativamente maggiore con le combinazioni flessibili  rispetto alle combinazioni a rapporto fisso (dati appaiati per ITT: −2,5 kg vs −1,2 kg; ETD, 1,20; P=0,038; dati appaiati per PP: −2,8 kg vs −1,1 kg; ETD, 1,64; P=0,009).
  • Per quanto concerne il costo totale stimato del trattamento, è emersa una differenza significativa, con un costo inferiore per le combinazioni a rapporto fisso (ETD, −188,6±56,3 €; P=0,001); questo risultato era equivalente al minor costo di trattamento settimanale pari a 7,9±1,5 €/paziente.

Limiti

  • Questo studio aveva un disegno retrospettivo senza un target glicemico prefissato.
  • I dati relativi alle interruzioni e alle percentuali di rinnovo dei farmaci non erano chiari.

Bibliografia

Morieri ML, Rigato M, Frison V, Simioni N, D'Ambrosio M, Tadiotto F, Paccagnella A, Lapolla A, Avogaro A, Fadini GP. Fixed versus flexible combination of GLP-1 receptor agonists with basal insulin in type 2 diabetes: A retrospective multicentre comparative effectiveness study. Diabetes Obes Metab. 2019;21(11):2542-2552. doi: 10.1111/dom.13840. PMID: 31364233 

Stampa

RISORSE CORRELATE

cronometro

NEWS

Agonisti del recettore del GLP-1 nel DMT2: i tempi contano

Un ritardo nell’intensificazione del trattamento è associato a minori riduzioni di HbA1c

provette

NEWS

Scarso controllo glicemico in metà della popolazione in terapia per DTM2 di seconda linea

Necessità di interventi per migliorare la gestione del controllo glicemico

ipoglicemia

NEWS

Nel DMT2 l’ipoglicemia influenza il proseguimento della terapia insulinica e i costi

Episodi ipoglicemici all’inizio della terapia ne ostacolano l’aderenza

Esplora anche:

anziana

KIT PAZIENTE

Diabete tipo 2

Che cos’è il diabete mellito di tipo 2? Una scheda per illustrare ai pazienti le cause, i sintomi e le possibilità terapeutiche..

people

EVENTI E CONGRESSI

iGlarLixi: strategie di intensificazione outcome personalizzati

Un'aggiornamento sugli studi clinici iGlarLixi come soluzione terapeutica efficace e sicura.

guida 10 punti

LINEE GUIDA

Terapia del diabete tipo 2 con insulina basale in Italia

Linee guida SID per la terapia del diabete di tipo 2